Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Logo Ledha Milano

Coordinamento associativo della città di Milano
per i diritti delle persone con disabilità

Archivio notizie

15/09/2015

Disabilità: separare fa male ? ... anche a scuola?

Appuntamento giovedì 1° ottobre presso l'Università degli Studi Milano-Bicocca per il convegno di presentazione del volume "L'attrazione speciale".

Separare, dividere, classificare, identificare. A seconda della tipologia e dell'intensità della disabilità vengono erogati servizi sempre più specializzati in base alla “tipologia” e alle condizioni di salute della persona. Una visione segmentata della persona con disabilità, che punta sempre più all'assistenza ed è sempre meno orientata all'inclusione.

Quello che stiamo vivendo negli ultimi anni è un processo culturale e organizzativo che non riguarda solo i servizi sociali, ma che rischia di investire anche il mondo della scuola italiana che sperimenta (spesso con successo) da quasi 40 anni un modello inclusivo. Difatti, anche nel mondo della scuola continuano a persistere le scuole speciali: oggi, solo in Lombardia, sono attivi 16 plessi (per un totale di 24 scuole) frequentati da quasi 900 tra bambini e ragazzi.

“Disabilità: separare fa male ? ... anche a scuola?” è il titolo del convegno che si svolgerà giovedì 1° ottobre 2015 dalle ore 14 alle ore 18 presso l'Università degli Studi Milano-Bicocca (aula Pagani, Edificio U7 – via Bicocca degli Arcimboldi, 8 Milano) organizzato in collaborazione con il Corso di Laurea in Servizio sociale sanitario, Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale.

Punto di partenza del dibattito è la ricerca condotta da Giovanni Merlo (direttore di LEDHA-Lega per i diritti delle persone con disabilità) che ha portato alla pubblicazione del saggio “L'attrazione speciale - Minori con disabilità integrazione scolastica, scuole speciali, presa in carico, welfare locale” (Maggioli editore).

 Nel volume si ripercorrono le strade che hanno portato oggi alla separazione della vite dei bambini e dei ragazzi con disabilità dal resto dei coetanei. A fare da guida in questo racconto sono le parole dei genitori che hanno scelto per i loro figli la scuola speciale. Il loro sguardo e le loro parole permettono al lettore di osservare in controluce il peso che la mancata presa in carico globale della famiglia, l'inerzia dei servizi specialistici e la fatica della scuola a mettersi in discussione, hanno per orientare e giustificare queste scelte.

Interventi
- Mara Tognetti: presidente del Corso di Laurea in Servizio sociale, Dipartimento di Sociologia, Università Milano Bicocca
- Roberta Garbo: delegata Disabilità, Università Milano Bicocca
- Gianluca Argentin: Scienze Politiche e Sociali, Università Cattolica,
- Giovanni Merlo: LEDHA e autore della ricerca
- Roberta Ghidelli: USSM Milano
- Antonella Costantino: SINPIA

Modera Maurizio Trezzi, giornalista

Conclusioni a cura di Umberto Zandrini (Federsolidarietà) e Alberto Fontana (Presidente LEDHA)

La partecipazione è libera e gratuita. Per ragioni organizzative si chiede di confermare la partecipazione, inviando una e-mail a info@ledha.it oppure iscrivendosi direttamente sul sito di LEDHA.

Sono stati richiesti i crediti CROAS. È previsto il servizio di sottotitolazione

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilità

LEDHA Milano - Coordinamento associativo della città di Milano per i diritti delle persone con disabilità
Via Livigno 2 - 20158 Milano - tel 02/6570425 - fax 02/6570426
www.ledhamilano.it - info@ledhamilano.it
Informativa sull'uso dei cookie
Realizzato da Head&Hands & MediaDesign

37.9.237.137