Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Logo Ledha Milano

Coordinamento associativo della città di Milano
per i diritti delle persone con disabilità

Ultime notizie

10/02/2021

Le perplessità attorno al nuovo PEI

Riduzione dell’orario scolastico, possibilità di esonerare l’alunno con disabilità da alcune discipline, ruolo marginale delle famiglie nel GLO sono elementi che preoccupano le associazioni. CoorDown lancia una raccolta firme

Con un recente provvedimento (il Decreto Interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182) il ministero dell’Istruzione e il ministero dell’Economia hanno dato il via libera all’adozione del nuovo PEI (Piano educativo individualizzato), uno strumento fondamentale per la didattica inclusiva a favore degli alunni con disabilità.

Proprio perché si tratta di uno strumento essenziale per garantire il funzionamento della “scuola di tutti” e l’inclusione scolastica dei bambini e dei ragazzi con disabilità Ledha Milano non può restare indifferente di fronte alle critiche mosse da alcune associazioni tra cui CoorDown (Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle persone con sindrome di Down), il CIIS (Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno) e Uniti per l’autismo.  

Nel testo del provvedimento, infatti, sono presenti alcune “zone grigie” che sollevano dubbi e perplessità nelle famiglie e nelle associazioni impegnate nella tutela dei diritti delle persone con disabilità. Il decreto, infatti, prevede la possibilità unilaterale per la scuola di ridurre l’orario di frequenza e di esonerare l’alunno con disabilità da alcune discipline, con il conseguente allontanamento dal gruppo classe e dai suoi docenti. Ci chiediamo se questa decisione (contestuale alla previsione di dare vita a “spazi laboratoriali” o “aule riservate”) non rischi di ricreare, di fatto, le vecchie classi differenziali. C’è poi un ulteriore elemento che preoccupa le associazioni di genitori di persone con disabilità, ovvero il ruolo marginale che il nuovo decreto assegna alla famiglia all’interno del nuovo GLO (Gruppo di lavoro operativo per l'inclusione), definendole semplicemente come uno dei soggetti chiamati a partecipare. 

Per protestare contro questa situazione, CoorDown ha lanciato una petizione sulla piattaforma Change.org in cui si chiede “con la massima urgenza la convocazione di un tavolo di confronto con le Istituzioni competenti, per poter rappresentare le criticità evidenziate e le necessarie proposte di modifica”. Alla petizione si affiancano due manifestazioni di protesta (virtuali): la campagna social con l’hashtag #NOESONERO e il flash mob in programma sabato 13 febbraio alle ore 12.

Per maggiori informazioni, visitare il sito di CoorDown

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilità

LEDHA Milano - Coordinamento associativo della città di Milano per i diritti delle persone con disabilità
Via Livigno 2 - 20158 Milano - tel 02/6570425 - fax 02/6570426
www.ledhamilano.it - info@ledhamilano.it
Informativa sull'uso dei cookie
Realizzato da Head&Hands & MediaDesign

37.9.237.137